topolino

31 dicembre 2015

Il 2015...

Ogni hanno ha, nel bene e nel male, un suo valore indipendentemente da quello che succede a noi, per quello che rappresenta, per quello che inevitabilmente è, per quello che nella memoria di ognuno di noi resterà a ricordarlo.
Come si fa a detestare un anno?
Come si fa ad odiare una serie di momenti collegati tra di loro attraverso concomitanze temporali, una cronologia di fatti, respiri, ansie, gioie, sogni, dolori...
Come si fa a dimenticare una fetta così grande della tua vita?
Non si può.

Un anno, per quanto lo si voglia o meno, rimarrà per sempre un testimone involontario, uno spazio tra due parentesi ripieno di tutto quello che siamo e siamo stati, di quello che abbiamo avuto e quello che abbiamo lasciato.

Io ci ho lasciato un pezzo imprescindibile della mia vita.

Ho voglia di entrare nel 2016 in tutta fretta solo per lasciare il vecchio, sapendo però che non potrò e non potrei mai dimenticarlo.
Anche se lo volessi, e Dio sa quanto lo vorrei.
Ma non posso.
E' il nostro destino. 

Nessun commento:

Posta un commento